MTB Trails

Join us!

Required field
Di godere di sana e robusta costituzione fisica e di essere idoneo per l'attività sportiva non agonistica. Come da idonea certificazione medica in proprio possesso che si riserva di inoltrare al più presto all'indirizzo amministrazione@mtbtrails. Consapevole che, in difetto, l'organizzazione non si assumerà alcuna responsabilità al riguardo.
Chiede di essere ammesso a socio di A.S.D. MTB Trails affiliata allo CSEN, Codice affiliazione associazione 65724. Con la sottoscrizione della presente domanda il sottoscritto dichiara: • Di conoscere ed accettare lo statuto e i regolamenti della A.S.D. MTB Trails. E si impegna: • A rispettare le norme previste dallo statuto e dai regolamenti della A.S.D. MTB Trails e CSEN nonché le deliberazioni degli organi dell’Ente. • A rispettare le norme previste dallo statuto sociale, dal codice civile, dal Coni e le deliberazioni degli organi sociali. • A versare le quote sociali annualmente fissate dall’associazione A.S.D. MTB Trails. • Ad esibire idonea certificazione medica (se necessario) La domanda è volta alla partecipazione del sottoscritto all’attività di sostenitore e all'attività sportiva svolta dalla A.S.D. MTB Trails. Nel caso di attività sportiva, il socio si impegna a consegnarci un certificato medico di idoneità sportiva (agonistica o non agonistica, come indicato sul certificato stesso). Il socio dichiara inoltre di essere a conoscenza del D. Lgs 196 del 30/6/2003 sulla Privacy tutela dei dati personali e che fin da adesso autorizza gli organi statutari della A.S.D. MTB Trails, la Sede Provinciale CSEN, Regionale CSEN e Nazionale CSEN, ad usare i propri dati esclusivamente per promuovere ed informare sulle attività dell’associazione CSEN.
STATUTO Art. 1- Denominazione e Sede La denominazione dell'Associazione è "Associazione Sportiva Dilettantistica MTB TRAILS”. La sede legale è stabilita in località Scafa (PE) presso la Via Pio La Torre n. 7 e potrà esercitare la sua attività sull'intero territorio nazionale e internazionale. Con delibera del Consiglio Direttivo potrà essere variata la sede legale e/o istituire altra sede operative, senza che ciò comporti modifica del contratto sociale. Art. 2 - Scopi e durata L' Associazione è un ente di diritto privato apartitico, apolitico, aconfessionale e senza fini di lucro, che prevede e rispetta, nello svolgimento delle proprie attività, i principi di democrazia, uguaglianza dei diritti degli associati, di pari opportunità nell'accesso alle cariche elettive. La durata dell'Associazione è indeterminata. Essa ha per scopo l'esercizio e l'organizzazione di attività sportiva dilettantistica, la formazione, la preparazione di atleti, squadre e persone in genere nelle discipline sportive legate all'uso della MTB e dello sport in genere, compresa l'attività didattica per l'avvio, l'aggiornamento e il perfezionamento della medesima attività sportiva adeguandosi fin d'ora alle finalità, le norme e le direttive emanate Federazione Sportiva Nazionale o Ente di Promozione Sportiva e Sociale riconosciute dal Coni affilianti. A tale fine l'Associazione potrà: - Gestire e possedere, prendere o dare in locazione qualsiasi tipo di impianto sportivo sia immobile che mobile, fare accordi con altre associazioni o terzi in genere, nonché trasferire la propria sede od aprire sedi secondarie in Italia o all'estero; - Organizzare manifestazioni ed eventi sportivi e non, ovvero giornate divulgative e promozionali, seminari, incontri e approfondimenti con esperti di materie sportive; - Organizzare percorsi format ivi di gruppo e/o personalizzati finalizzati al perfezionamento delle tecniche sportive della specifica disciplina praticata, anche mediante l'ausilio di preparatori, istruttori e/i altro personale qualificato e non, socio o non socio; - Tutelare, sviluppare, manutenere sentieri e percorsi MTB; - Porre in essere operazioni di natura commerciale in conformità alla normativa in vigore in materia di enti non commerciali, come ad esempio attività commerciali propedeutiche e/o collegate al mondo sportivo, rispettando ovviamente i dettami delle leggi e dei regolamenti in vigore in materia. Essa inoltre potrà gestire un eventuale sede o spaccio interno condotto direttamente, ad uso esclusivo dei propri Soci e dei Soci dell'Ente di appartenenza per la somministrazione di alimenti e bevande, che diventi il punto di incontro ed il luogo dove vengono ideate ed organizzate le varie iniziative e manifestazioni di carattere istituzionale; L'Associazione potrà anche compiere operazioni immobiliari, mobiliari, finanziarie e commerciali, correlate allo scopo sociale, necessarie o utili al raggiungimento delle sopradette finalità. Le attività potranno essere svolte in collaborazione e/o a favore di altre Associazioni, enti, e/o altri soggetti pubblici e/o privati cui l'Associazione potrà anche aderire. Tutti i servizi sociali potranno essere erogati a pagamento e non come stabilito dal Consiglio Direttivo. Art. 3- Affiliazioni L'Associazione viene affiliata ad una Federazione Sportiva Nazionale o Ente di Promozione Sportiva e Sociale riconosciuto dal Coni riconosciuto dal Ministero degli Interni accettando incondizionatamente di osservarne lo Statuto e i Regolamenti. L'Associazione si impegna ad accettare eventuali provvedimenti disciplinari che gli organi competenti della Federazione o Ente affiliante dovesse adottare a suo carico, nonché le decisioni che le relative autorità dovessero prendere in tutte le vertenze di carattere tecnico disciplinare attinenti l'attività sportiva. Costituiscono, dunque, parte integrante del presente statuto le norme statutarie ed i Regolamenti federali nella parte che disciplina l'organizzazione e la gestione delle Associazioni o Società affiliate Art. 4- I Soci Possono far parte dell'Associazione tutti coloro che ne facciano domanda, dichiarando di essere informati sul contenuto dello Statuto e delle attività svolte dall' Associazione, condividendone gli scopi. Possono partecipare alle attività dell'Associazione anche i tesserati della medesima Federazione o Ente affiliante di appartenenza, purché rispettino le norme statutarie e gli eventuali Regolamenti interni all'Associazione stessa. I soci possono svolgere attività in favore dell'Associazione o assumere incarichi presso la stessa, a titolo gratuito o a pagamento, previa delibera del Consiglio Direttivo. Art. 5 - Domanda di ammissione Chiunque abbia interesse ad acquisire lo status di socio deve presentare apposita domanda con la quale si impegna a rispettare lo Statuto sociale, gli eventuali Regolamenti interni e le delibere del Consiglio Direttivo. In caso di domande di ammissione allo status di socio siano presentate da minorenni, le stesse dovranno essere controfirmate dall'esercente la potestà parentale. Colui che sottoscrive la domanda per conto del minore lo rappresenta a tutti gli effetti nei confronti dell'Associazione e risponde verso la stessa per tutte le obbligazioni dell'associato minore. Lo status di socio viene acquisito con l'accettazione della domanda da parte del Presidente, il pagamento della quota associativa se deliberata dal Consiglio Direttivo, e con l'iscrizione al libro soci. L'accettazione da parte del Presidente dovrà essere ratificata dal Consiglio Dire tt ivo alla prima riunione utile. Qualora l'ammissione del socio non dovesse essere ratificata dal Consiglio Direttivo saranno fatti salvi i diritti connessi allo status di socio fino al provvedimento di mancata ratifica. Art. 6 - Categorie dei soci I Soci sono suddivisi nelle seguenti categorie: Soci Fondatori e Soci Ordinari. Sono Soci Fondatori quelli indicati nell'Atto Costitutivo ed hanno uguali diritti e doveri dei soci ordinari; Sono soci Ordinari coloro che fanno richiesta di ammissione, pagano la quota associativa annua le se stabilita dal Consiglio Direttivo e risultano iscritti al libro soci. I soci Fondatori ed Ordinari hanno diritto di voto nelle assemblee sociali. Tutti i Soci sono tenuti all'osservanza dei Regolamenti sociali eventualmente in vigore. E' esclusa la partecipazione temporanea alla vita associativa dell'Associazione, l'adesione è a tempo indeterminato, salvo il diritto di recesso con dimissioni in qualunque momento. Le quote ed i contributi associativi non sono rivalutabili, né trasmissibili ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte. Art. 7- Diritti e doveri dei soci I Soci hanno il diritto di: a) Partecipare, anche a mezzo delega, alle assemblee ordinarie e straordinarie; b) Votare le delibere assembleari ed impugnare le delibere degli organi sociali; c) Partecipare alla vita associativa e alle attività sociali nelle forme previste dal presente Statuto e da eventuali Regolamenti interni; d) Frequentare i locali e gli impianti che l'Associazione avrà eventualmente messo a disposizione per lo svolgimento delle attività sportive; e) Ricoprire le cariche sociali se in possesso dei requisiti di cui al successivo art. 17; f) Accedere ai documenti sociali mediante richiesta scritta al Consiglio Direttivo senza estrarne copia . I soci hanno il dovere di: a) Rispettare lo Statuto e gli eventuali Regolamenti sociali; b) Osservare le deliberazioni adottate dagli organi sociali; c) Versare nei modi e nei termini stabiliti dal Consiglio Direttivo le quote associative annuali ed i contributi richiesti per l'uso di particolari attrezzature sociali o per la partecipazione a specifiche attività dell'Associazione; d) Mantenere un comportamento conforme alle finalità dell'Associazione impegnandosi ad adottare una irreprensibile condotta conforme ai principio di lealtà sportiva, astenendosi da ogni forma di illecito sportivo e da qualsivoglia indebita esternazione pubblica lesiva della dignità, del decoro e del prestigio dell'Associazione di appartenenza della propria Federazione o Ente affiliante, compresi i relativi Organi istituzionali. Art. 8- Perdita della qualifica di socio La qualifica del Socio si perde per: a) Dimissioni (recesso)da presentare per iscritto al Consiglio Direttivo; b) Radiazione o provvedimento di esclusione, che viene deciso dal Consiglio Direttivo contro il socio che non rispetti uno dei doveri previsti all'art. 7, senza che la radiazione comporti indennizzi o rimborsi di alcun genere nei confronti dell'escluso. Le esclusioni sono decise dal Consiglio Direttivo senza preavviso e con effetto immediato. Art. 9- Organi Sociali Gli organi dell'Associazione sono l' Assemblea dei Soci e il Consiglio Direttivo. Art. 10 - L'Assemblea L'Assemblea dei Soci è l'organo sovrano dell'Associazione . L'Assemblea può essere ordinaria e straordinaria. L'Assemblea ordinaria delibera in ordine a: a) Approvazione del Rendiconto economico-finanziario consuntivo dell'anno appena concluso; b) Nomina o revoca del Consiglio Direttivo; c) In merito alle affiliazioni del sodalizio sportivo; d) Nomina del collegio arbitrale di cui all'art. 22; e) Su qualsiasi altro argomento non riservato dal presente Statuto o dalla Legge alla competenza dell'Assemblea Straordinaria; L'assemblea Straordinaria delibera in ordine a: f) Proposte di modifica al presente statuto; g) Proposta di scioglimento dell'Associazione e devoluzione del patrimonio; h) Su ogni altro argomento posto all'ordine del giorno riservatogli dalla legge o dal presente statuto. Art. 11- Convocazione dell'Assemblea La convocazione dell' Assemblea ordinaria o straordinaria dei Soci è effettuata mediante avviso scritto contenente il giorno, la data e l' ora della prima e della seconda convocazione e l'ordine del giorno. La convocazione va recapitata al singolo socio con ogni mezzo (posta, fax, mail ordinaria, PEC, raccomandata a mani, strumenti "social", ecc.) almeno 10 giorni prima della data fissata per l'Assemblea. La convocazione dell'Assemblea ordinaria deve avvenire a cura del Presidente, su indicazione del Consiglio Direttivo almeno: a) una volta l'anno entro il 30 aprile per l'approvazione del Rendiconto economico-finanziario dell'esercizio precedente, con la modalità del voto palese; b) una volta ogni 4 (quattro) anni per il rinnovo delle cariche sociali. La convocazione dell'Assemblea ordinaria può essere richiesta oltre che dal Presidente, su indicazione del Consiglio Direttivo, da 1/3 (un terzo) dei Soci aventi diritto al voto, i quali dovranno avanzare domanda al Presidente dell'Associazione proponendo l'ordine del giorno. In tal caso l'Assemblea dovrà essere convocata con un preavviso di 30 (trenta giorni) dalla data fissata per la stessa. Art. 12 Diritto di partecipazione all’Assemblea Tutti i soci maggiorenni, in regola con gli obblighi di versamento di cui alla lettera i) dell'art. 7 alla data dell'assemblea, avranno diritto di voto in ragione di un voto ciascuno. Per i soci minorenni il diritto di partecipazione e di voto è esercitabile dalla persona che ne esercita la potestà parentale. Ogni socio può rappresentare in assemblea, per mezzo di delega scritta, non più di due associati oltre a se stesso, tranne il caso di cui all' art . 21. Art. 13 - Validità Assemblea Formale Assemblee ordinarie saranno validamente costituite in prima convocazione con la presenza della metà più uno degli aventi diritto al voto. Le Assemblee straordinarie saranno validamente costituite in prima convocazione con la presenza dei 2/3 (due terzi) degli aventi diritto al voto. In seconda convocazione l'assemblea, sia ordinar la che straordinaria, è validamente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti. La seconda convocazione deve essere fissata trascorsa almeno un'ora dalla appuntamento fissato per la prima convocazione. Le deliberazioni delle assemblee, sia ordinarie che straordinarie, sia in prima che in seconda convocazione, sono assunte a maggioranza assoluta dei presenti. Per la validità dell'assemblea straordinaria che decide in merito al punto g) dell'art. 10 occorre sempre la presenza dei 2/3 (due terzi) dei soci. Art. 14 - Funzionamento Assemblea Le Assemblee sono presiedute dal Presidente del sodalizio o, in sua assenza, da altro socio nominato dall’Assemblea a maggioranza dei presenti aventi diritto al voto. Il Presidente dell'Assemblea chiama un Socio a fungere da Segretario. Di ogni Assemblea dovrà essere redatto il verbale firmato dal Presidente e dal Segretario, da conservare nel registro delle deliberazioni assembleari a disposizione di chiunque abbia motivo d'interesse alla consultazione. Art. 15 – Il Consiglio Direttivo L' Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da un numero di membri pari ad almeno 3 (tre) persone liberamente scelte dall'Assemblea fra i Soci di età superiore a diciotto anni. I membri eletti dall'Assemblea nominano nel loro ambito le cariche sociali di cui all'art.17, ovvero il Presidente, il Vice Presidente e il Segretario/Tesoriere. Il Consiglio Direttivo dura in carica 4 (quattro) anni ed i suoi membri sono rieleggibili. Se, per qualsiasi motivo, viene a mancare o si dimette uno o più consiglieri, i rimanenti procederanno senza indugio alla convocazione dell'assemblea dei soci per la nomina dei sostituiti. Se viene a mancare o si dimette la maggioranza dei consiglieri, l'intero Consiglio decade dall'incarico e, senza indugio, il Presidente, anche se dimissionario, convoca l'Assemblea dei soci per l'elezione di un nuovo Consiglio. Le sedute sono valide quando sia presente la maggioranza dei componenti e le deliberazioni vengono prese a maggioranza dei presenti. Di ogni Consigli funzioni all'interno dell' Associazione(ad es. istruttore, ecc.), anche a pagamento, previa delibera del Consiglio stesso da prendere senza considerare il voto del Consigli ere in conflitto di interessi. Art. 16 – Il funzionamento del Consiglio Direttivo Il Consiglio Direttivo si riunisce su convocazione del Presidente oppure quando ne venga fatta richiesta scritta (anche a mezzo mail) da 2/3 (due terzi) dei Consiglieri da effettuare almeno 10 gg prima della adunanza contenente ordine del giorno. La convocazione formale non è necessaria se alla riunione partecipano tutti i membri effettivi del CD. Il CD è investito della gestione sportiva ed amministrativa ordinaria decidendo, a titolo esemplificativo e non esaustivo, sulle seguenti questioni: a) Le domande di ammissione dei soci accettate dal Presidente; b) Esclusioni dei Soci; c) Ammontare della quota associativa annuale, nonché delle tariffe dei diversi servizi, stabilendo i termini di pagamento; d) Assumere o licenziare personale dipendente, stipulare contratti di collaborazione, conferire mandati di consulenza, nomina re o incaricare direttori tecnici, istruttor i, ecc. anche fra soci o membri dello stesso Coniglio Direttivo; e) Definire emolumenti e/o compensi e/o rimborsi spesa forfeit e/o piè di lista; f) Deliberare eventuali Regolamenti interni; g) Realizzare le finalità statutarie e le delibere assembleari; h) Curare il buon andamento finanziario dell'ente; i) Rapporti con gli Istituti Bancari, sottoscrivere contratti per mutui e finanziamenti; j) Atti e contratti relativi a diritti reali immobiliari; k) Fissare le date di convocazione delle Assemblee ordinarie e straordinarie. Art. 17 - Le cariche sociali Le cariche sociale dell'Associazione sono: a) Il Presidente che, per delega del Consiglio Direttivo, ha la rappresentanza legale ed i poteri di firma dell'Associazione; b) Il Vice Presidente, che sostituisce il Presidente in caso di assenza o impedimento; c) Il Segretario/Tesoriere, che gestisce il denaro, tiene in ordine la contabilità, cura la tenuta dei libri sociali, collabora nella gestione dell'Associazione e segue gli adempimenti contabili ed amministrativi. Coloro i quali sono interessati a candidarsi alle predette cariche sociali devono avere i seguenti requisiti: a) Essere regolarmente iscritti al libro soci al momento dell' assemblea riunita per la nomina delle stesse; b) Non avere riportato, nell'ultimo quinquennio, salvo riabilitazione, squalifiche o inibizioni sporti veda parte della propria Federazione o Ente affiliante o CONI o di altri organismi sportivi nazionali o internazionali riconosciuti; c) Non ricoprire cariche sociali in altre società o associazioni sportive dilettantistiche nell'ambito della medesima disciplina sportiva dilettantistica. Coloro che ricoprono le cariche sociali dell' Associazione decadono dal momento in cui viene meno solo uno dei requisiti citati in precedenza. o dovrà essere redatto il verbale firmato dal Presidente e dal Segretario, da conservare nel registro delle deliberazioni del Consiglio Direttivo. E' fatto divieto ai componenti del Consiglio Direttivo del sodalizio di ricoprire le medesime cariche sociali in altre società e associazioni nell'ambito della medesima disciplina sportiva o della stessa Federazione sportiva o altro Ente affiliante i membri del Consiglio Direttivo possono ricoprire altre Art. 18- Risorse economiche L'Associazione trae risorse economiche per il proprio funzionamento e per lo svolgimento della propria attività da: a) Quote annuali degli associati, quando deliberate dal Consiglio Direttivo; b) Contributi, quando deliberati dal Consiglio Direttivo, versati dai Soci per l'utilizzazione di specifiche attrezzature sportive e/o per la frequenza e partecipazione alle attività, di qualsiasi natura, del sodalizio; c) Contributi o erogazioni ricevute dal CONI, dalla Federazione o Ente di appartenenza, da enti pubblici e/o privati o da soggetti privati, nazionali o internazionali; d) Donazioni e lasciti testamentari e non; e) Entrate derivanti da eventuali attività commerciali e produttive; f) Eccedenze o avanzi di gestione derivanti dai rendiconti annuali; g) Ogni altra entrata che concorra ad incrementare l'attivo in conformità a quanto previsto dalle vigenti normative in materia di Associazioni Sportive Dilettantistiche. E' vietato distribuire tra gli associati, anche in modo indiretto, utili, avanzi di gestione, fondi, riserve, e capitale, durante la vita dell' Associazione salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. Il patrimonio dell'Associazione, in caso di scioglimento per qualunque causa, verrà devoluto ad altra Associazione con finalità sportive dilettantistiche o ai fini di pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla legge. Art. 19- Esercizio sociale L' esercizio sportivo/sociale ed economico/finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre dello stesso anno. Art. 20- Rendiconto annuale Il Rendiconto economico / finanziario a consuntivo dell'esercizio deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione economica e finanziaria dell' Associazione, nel rispetto del principio di trasparenza nei confronti degli associati. Esso è redatto a cura del Consiglio Direttivo che lo presenta all'Assemblea dei soci per l'approvazione ogni anno entro il 30 aprile dell'anno successivo. Il Rendiconto deve essere approvato secondo i criteri di deliberazione dell'assemblea ordinaria e deve essere depositato per la conservazione presso la sede dell'Associazione a disposizione di chiunque abbia motivo d'interesse alla consultazione. Art.21 - Scioglimento Lo scioglimento dell' Associazione è deliberato dall' Assemblea straordinaria regolarmente costituita con la presenza di almeno 2/3 degli associati aventi diritto al voto, con l'approvazione sia in prima che in seconda convocazione a maggioranza assoluta dei presenti, senza la possibilità di farsi rappresentare tramite delega. La richiesta da parte dei soci di convocare l'assemblea per deliberare sul lo scioglimento dell'Associazione deve essere presentata da almeno i 2/ 3 dei soci con diritto di voto. Verificato lo scioglimento, o qualunque altra causa di estinzione, il patrimonio residuo verrà devoluto ad Enti o Associazioni che perseguono gli stessi scopi istituzionali dell'Associazione o a fini di utilità pubblica sentendo l'organo di controllo di cui all' art.3, comma 190 della L.662/ 96. Art . 22 - Clausola Compromissoria In caso di controversia fra i soci e l'Associazione o i suoi organi sociali sarà obbligo delle parti cercare di comporre bonariamente la controversia nell'ambito dell'Associazione attraverso la costituzione di un Collegio arbitrale composto da 3 (tre) membri nominati dall' assemblea ordinaria dei soci. Il Collegio deciderà a maggioranza e il relativo lodo sarà per le parti inappellabile e vincolante. Art. 23- Completezza dello Statuto Per tutto quanto non espressamente previsto dal presente scritto saranno applicabili le disposizioni del Codice Civile in materia di associazioni private non riconosciute, lo statuto ed i Regolamenti del CIO, del CONI e della Federazione o Ente affiliante.